• NUOVA FRONTIERA NELLA CHIRURGIA DELLA CATARATTA al DAY SURGERY AURORA di Banchette - Ivrea:

    IL LASER A FEMTOSECONDI

    “Negli ultimi 20 anni – spiega il dott. Gianni Aimino - la chirurgia della cataratta ha raggiunto una grande standardizzazione e degli ottimi risultati grazie all’Anestesia topica (solo gocce di collirio), alla microincisione (circa 1,8 2,2mm) e alle lentine intraoculari Premium di ultima generazione, ma la recente introduzione del laser a femtosecondi che sostituisce la mano del chirurgo in alcuni delicati passaggi dell’intervento di cataratta è destinato a rivoluzionare il trattamento della più diffusa patologia oculare”.

    Grazie ad esso le fasi principali dell’intervento sono programmate dal chirurgo al computer ed eseguite dal laser in pochissimi secondi senza alcun utilizzo di bisturi e pinze chirurgiche.

    I passaggi della procedura sono monitorati attraverso O.C.T. (Tomografia a 

    coerenza ottica) che guida l’azione del laser eseguendo in tempo reale un controllo tridimensionale dello spessore corneale, della capsula da incidere e della dimensione e forma del cristallino.

    Utilizzando impulsi della durata di miliardesimo di secondo, il femto-laser consente di eseguire il taglio necessario per accedere al cristallino opacizzato e quindi incidere l’involucro (o capsula) che lo contiene e frammentare la sua parte centrale di maggior durezza, comportando così un minor trauma per i tessuti.

     

    Conclusa la prima fase di applicazione del laser, il chirurgo asporta il materiale già frammentato con la facoemulsificazione a ultrasuoni ed impianta il cristallino artificiale (IOL) terminando l’intervento.

    “Il laser a femtosecondi – precisa la dott.ssa Lilia Francone - consente un’accuratezza non raggiungibile dalla mano umana garantendo un intervento più preciso rispetto ai sistemi precedenti. L’occhio operato con il laser presenta inoltre condizioni ideali per ricevere IOL a ottica complessa adatta a correggere difetti visivi quali miopia, ipermetropia,  astigmatismo e presbiopia”.

     

    Per sintetizzare, i 4 vantaggi dell’uso del femtolaser:

    1. Maggiore precisione dell’intervento
    2. Minore invasività
    3. Incremento della sicurezza operatoria
    4. Migliore adattamento delle lentine Premium.

    Di fondamentale importanza è la selezione pre-operatoria del paziente attraverso accurati esami strumentali, oltre che ovviamente la serietà e l’esperienza del chirurgo oculista specializzato in questo tipo di intervento. 

    I costi dell’apparecchiatura, il training e l’alta specialità che i chirurghi devono avere ne limitano il suo utilizzo a pochissimi centri privati in Italia, tra cui il Centro di microchirurgia oculare del Day Surgery Aurora di Banchette a Ivrea dove operano diversi oculisti esperti nel settore.